www.ermydesign.it - www.ermydesign.com - www.dragonline.it

- Events Year 2011 Eventi -

Full Menu - Vers.ITA - Vers.ENG - Gallery (Photo)

11-03-2011  - 13-03-2011 - 15-03-2011 - Gallery

Giappone, tsunami e terremoto 11-03-2011

23:41 - Le radiazioni all'esterno della centrale nucleare di Fukushima sono 1.000 volte superiori al normale. Lo riferisce la protezione civile giapponese citata dall'agenzia Kyodo News. Il sistema di raffreddamento del reattore numero 1 dell'impianto è stato danneggiato dal devastante sisma di magnitudo 8,9 che ha colpito il Giappone. Il premier Kan ha deciso di estendere a 10 dagli iniziali 3 km l'area di evacuazione di tutti i residenti

19:08 - La Tokyo Electric Power Co, che gestisce la centrale nucleare giapponese di Fukushima-Daiichi, ha fatto sapere che la pressione nel reattore numero 1 della struttura sta crescendo a causa dei danni provocati dal terremoto, con il rischio di una fuga radioattiva. La società ha spiegato che sta cercando di prendere le misure necessarie per contenere il problema

18:13 - Il bilancio delle vittime del violento terremoto e dello tsunami che hanno devastato il Nord-Est del Giappone potrebbe superare i mille morti. Lo riferisce l'agenzia ufficiale giapponese Kyodo, secondo cui nella sola prefettura di Fukushima le abitazioni rase al suolo sarebbero 1800

15:52 - Da 200 a 300 corpi senza vita sono stati rivenuti su una spiaggia di Sendai, la località investita dallo tsunami provocato dal terremoto di magnitudo 8,9 che ha colpito il nord ovest del Giappone. Secondo la polizia i cadaverisono di residenti che sono stati travolti da un'onda di 10 metri che ha devastato tutta l'area. Le autorità stimano a circa 1.200 il numero delle case colpite dall'onda anomala seguita al terremoto

16:02 - Il sisma di magnitudo 8,9 che ha colpito il Giappone ha causato lo spostamento dell'asse terrestre di 10 centimetri. E' quanto emerge da studi preliminari effettuati dall'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia. La modifica è stata addirittura maggiore rispetto a quella provocata dal terremoto di magnitudo 9,1 avvenuto il 26 dicembre 2004 a Sumatra, in Indonesia, che invece era stata di 6 centimetri.

14:14 - Un treno in servizio sull'area costiera della prefettura di Miyagi, nel Giappone nordorientale, risulta disperso dopo il passaggio di uno tsunami a seguito del sisma. Lo riferisce la polizia nipponica, secondo cui al momento non è noto il numero dei passeggeri che si trovavano a bordo del convoglio. Il treno era in servizio sulla linea che collega Sendai e Ishinomaki

13:44 - Si tratta, ovviamente, solo e soltanto di una coincidenza. Ma se è vero che, per dirla con Poirot, "una coincidenza è una coincidenza, due coincidenze sono un indizio, tre coincidenze somigliano a una prova", c'è di che pensare. Perché, guarda caso, anche il devastante terremoto che ha colpito il Giappone si è verificato il giorno 11. Undici. Come l'11 settembre dell'attacco alle Torri Gemelle. Come l'11 marzo degli attentati a Madrid.

Una scia di sangue legata proprio al numero 11, insomma, che sebbene sia solo pura casualità ha già da tempo scatenato la fantasia degli autori di Hollywood, i quali nel 2010 hanno creato un film horror incentrato proprio su questa strana coincidenza: "11.11, la paura ha un nuovo numero".

E ora che il terremoto in Giappone diventa la terza grande strage avvenuta nel giorno 11, la curiosità in rete sulla maledizione del numero 11 si è tornata a scatenare. Dando retta alla numerologia, del resto, il numero 11 è da sempre portatore di sciagure. Il nome Adolf Hitler, ad esempio, guarda caso ha 11 lettere. E Manhattan, teatro dell'attacco alle Twin Towers, ha un nome che inizia con la lettera M, undicesima dell'alfabeto. Che in quello ebraico corrisponde a kaf e, secondo calcoli cabalistici, rappresenta il numero 66 e il suo opposto, il 666 dell'anticristo. E pure le torri, a voler ben vedere, erano un enorme 11 nel cuore di New York.

Tutte casualità, naturalmente. Perché se è vero che, secondo la profezia maya, il mondo deve finire il 21 dicembre 2012, l'11 non c'entra niente. O forse sì, visto che sommando le cifre che compongono la data 21/12/2012 il risultato è 11

15:44 - E' salito ad oltre 100 morti il bilancio del terremoto di magnitudo 8,9 gradi della scala Richter che ha colpito il nordest del Giappone. Lo riferiscono i media nipponici aggiungendo inoltre che un numero "imponente" di persone risulta attualmente disperso

12:33 - Che il Giappone fosse terra di terremoti e onde anomale è cosa nota, eppure il nuovo sisma, che si è abbattuto sul Paese del Sol Levante ha con se qualcosa di veramente eccezionale. Con i suoi 8,9 gradi di magnitudo è il terremoto più potente mai visto in Giappone. Per comprendere cosa è avvenuto, Tgcom ha intervistato Franco Mele dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia.

E’ davvero il terremoto più potente mai avvenuto in Giappone?
Dal 1973 a oggi si sono verificati 9 terremoti con una magnitudo superiore a 7. Eppure un evento di questa portata non si è mai visto. Da che esiste la sismologia non si è registrato nulla di simile se non nel 1994 quando, sempre in Giappone, si verificò un terremoto di 7.8 gradi di magnitudo in una zona a 200 km più a nord.

Come avvengono questi eventi?
 Le placche del fondo oceanico si spostano, in questo caso si tratta di un movimento a ovest. La placca giapponese si muove di 80 mm all’anno con un movimento di subduzione, ovvero si infila sotto la un’altra placca. Si tratta di movimenti molto importanti di grandi dimensioni.

Se un sisma simile dovesse verificarsi in Italia, cosa succederebbe? 
In Italia non ce li aspettiamo proprio fenomeni del genere. Per fare le dovute proporzioni, occorre sottolineare che il sisma giapponese è di qualche migliaia di volte superiore rispetto a quello che ha devastato L’Aquila. In Italia questi fenomeni così violenti non possono avvenire per ché non ci sono faglie sufficientemente grandi. Nel caso del Giappone parliamo di faglie lunghe più di mille chilometri.

E nel caso dello Tsunami? Cosa succede? 
Se i movimenti delle placche avvengono sul fondo marino, le conseguenze di questi moti sono le creazione di quelle onde anomale chiamate tsunami. In pochi secondi l’energia sprigionata muove milioni di metri cubi d’acqua. L’onda sprigionata dal sisma giapponese si sta propagando per l’Oceano Pacifico orientale in direzione delle coste americane.

11:33 - Il bilancio del terremoto stilato dai media giapponesi a quattro ore dal sisma devastante che ha colpito il Paese è di 26 morti. I dispersi sono una trentina. Nella capitale nipponica l'antenna in cima alla Tokyo Tower, il simbolo della ricostruzione post-bellica, si è piegata a causa delle scosse. Sono ancora fermi e lo saranno per un tempo non ancora definito i trasporti aerei e su rotaia nell'intera area di Tokyo. Milioni di passeggeri a piedi

 

11:11 - La violenta scossa di terremoto che ha colpito il Giappone ha generato uno tsunami che si è abbattuto sulla città di Sendai. Le onde hanno travolto le abitazioni e hanno inondato l'aeroporto. Lo tsunami ha poi continuato la sua corsa lungo le coste del Pacifico.